DIRITTI E DOVERI DEI VOLONTARI

DIRITTI E DOVERI DEL VOLONTARIO

1. Quali sono i doveri del volontario?

L’UNSC ha promulgato delle disposizioni che disciplinano la condotta del volontario e affermano i suoi diritti. I volontari di SCN sono tenuti ad adottare un comportamento improntato al senso di responsabilità, tolleranza ed equilibrio, ed a partecipare con impegno alle attività volte alla realizzazione del progetto.

In particolare i “doveri” del volontario sono quelli di:

  • presentarsi presso la sede di realizzazione del progetto nel giorno dell’avvio al servizio;
  • comunicare all’Ente l’eventuale rinuncia allo svolgimento del SCN;
  • comunicare tempestivamente all’Ente, in caso di malattia, l’assenza dal servizio, facendo pervenire la certificazione medica;
  • seguire le istruzioni e le direttive impartite dall’operatore locale del progetto che lo affianca nel servizio;
  • partecipare alla formazione generale e a quella specifica;
  • rispettare scrupolosamente l’orario di svolgimento delle attività relative al SCN;
  • non assentarsi durante l’orario di svolgimento delle attività dalla sede di assegnazione senza autorizzazione;
  • rispettare i luoghi e le persone con cui viene a contatto durante il servizio;
  • non superare i giorni di permesso e di malattia consentiti durante il periodo di servizio;
  • astenersi dal divulgare dati o informazioni riservati di cui sia venuto a conoscenza nel corso del servizio;

2. Quali sono i diritti del volontario?

I volontari hanno diritto ad un rimborso spese mensile attualmente quantificato in € 433,80 netti.

Hanno diritto a 20 giorni di permesso retribuito per motivi personali, compresi gravi e giustificati motivi quali ad esempio gravi necessità familiari, esami universitari e tesi di laurea, licenze matrimoniali ecc… I permessi consentono al volontario di assentarsi dal servizio per un periodo superiore alle 24 ore e non sono frazionabili in permessi orari.

I volontari possono usufruire di ulteriori permessi straordinari nel caso di:

  • donazioni del sangue: 1 giorno per ciascuna donazione (per un massimo di 4 donazioni nei 12 mesi se trattasi di ragazzi e per un massimo di 2 donazioni se trattasi di ragazze);
  • nomina alla carica di presidente, segretario di seggio e scrutatore, nonché di rappresentante di lista, in occasione delle consultazioni elettorali: per la durata dello svolgimento del servizio;
  • esercizio del diritto di voto: 1 giorno per i volontari residenti da 50 a 300 km di distanza dal luogo di svolgimento del servizio, 2 giorni per i volontari residenti oltre 300 km dal luogo di svolgimento del servizio; 3 giorni se i volontari sono impegnati in progetti in Europa; cinque giorni se i volontari sono impegnati in progetti extra europei;
  • convocazione a comparire in udienza come testimone: 1 giorno I volontari hanno diritto a 15 giorni di malattia retribuita e altri 15 giorni di malattia per i quali l’importo economico viene decurtato in proporzione ai giorni di assenza.

Superati questi ulteriori 15 giorni il volontario è escluso dal progetto, ma il volontario potrà nuovamente presentare domanda di partecipazione al SCN nei bandi successivi. I volontari hanno diritto (e dovere) a partecipare gratuitamente ai percorsi di formazione sia generale che specifica organizzati dall’ente, e all’affiancamento presso la sede di attuazione del progetto di un operatore che svolga il ruolo di “maestro” per il volontario.

I volontari hanno diritto, previa comunicazione scritta all’ente, a interrompere la loro partecipazione al progetto in qualunque momento e senza necessità di addurre le loro motivazioni o di rispettare un termine di preavviso.

TORNA INDIETRO