COS’È IL SERVIZIO CIVILE

Cos'è il Servizio Civile

Il Servizio civile volontario è una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, un prezioso strumento per contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.

Chi sceglie di impegnarsi per dodici mesi nel servizio civile volontario, sceglie di aggiungere un’esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa, che nel contempo assicura una sia pur minima autonomia economica, pari a € 433,80 mensili.

Le aree di intervento nelle quali è possibile prestare il servizio civile sono riconducibili ai settori: assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all’estero. Nell’arco dei 12 mesi di servizio il volontario può usufruire di 20 giorni di permesso e di 15 giorni di malattia (comprovata da relativa certificazione medica).

I volontari sono coperti da assicurazione per i rischi connessi alle attività svolte nell’ambito del progetto. Ai fini previdenziali il periodo prestato in qualità di volontario è riconosciuto ai sensi dell’art. 49 della legge 153/1969. Alcuni progetti prevedono il riconoscimento da parte delle Università di crediti formativi per l’attività prestata nel corso del servizio. Al termine del servizio l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile rilascia un attestato di espletamento del servizio civile volontario.

…e cosa non è!

  • Non è manodopera a basso prezzo
  • Non è un parcheggio della vita
  • Non è un’esperienza di volontariato
  • E i giovani che lo scelgono non sono né dipendenti, né collaboratori professionali,  né volontari: ma persone che si formano sperimentando un servizio secondo le regole proprie del servizio civile nazionale.

TORNA INDIETRO